Come monetizzare con il blog

your brand camp

Come monetizzare con il blog

Lo so che lo volete sapere come si fa a monetizzare con il blog e ho deciso di fare questo post per voi curiosoni.

Un 10% delle entrate deriva da banner a click come può essere adsense, se avete un blog davvero forte con tante visite giornaliere potrebbe essere anche il 50% del vostro ricavo (ma non è il mio caso purtroppo).

Affiliazioni tipo Amazon danno una % su ogni prodotto venduto che proviene dal vostro sito.

Banner a pagamento di ditte che vogliono pubblicizzarsi sul vostro sito.

Tutto il resto delle entrate deriva da post sponsorizzati.

Una parte saranno le aziende stesse a contattarvi per proporvi prodotti o denaro in cambio di un post. In genere però sono le agenzie di comunicazione che hanno contatti diretti con le aziende e fanno da intermediario con le blogger.

Poi esistono delle web agency che hanno programmi di affiliazione e fanno campagne di buzz per le aziende, sono diverse tra loro e danno diversi budget in base anche a come sono più o meno “pignoli” per la realizzazione del post.

Ad esempio io lavoro bene con: teads, upstory, plavid etc… voi v’iscrivete e quando loro hanno una campagna in linea con il vostro blog vi contattano e potete decidere se accettare o meno. Dopodiché dovete redarre un post che sia in linea  con il brief che vi hanno consegnato ed entro i tempi stabiliti.

Da poco c’è una nuova realtà per i blogger che si chiama Your Brand Camp, come dice il nome è un camp in cui si fa conversazione sui brand. Quando v’iscriverete nella home troverete tante aziende, leggerete la storia e poi deciderete se va bene per voi e i vostri lettori, quindi parteciperai alla conversazione.

C’è un filo diretto con l’azienda e questo è molto bello, non avere filtri o intermediari permette di chiedere di tutto sul prodotto o progetto prima di scrivere il post.

Il camp poi non si conclude con un solo post ma il brand si segue nel tempo con nuovi prodotti o nuovi progetti, praticamente sentiamo l’azienda più nostra e ci sentiamo un po’ partecipi di quello che realizza.

Come si viene pagati:

Ogni progetto da diritto a ricevere dei coin che si accumulano e poi possono trasformarsi in:

  • buoni da spendere
  • acquistare lezioni via skype da esperti di blogging, inglese, narrazione e altro.
  • Oppure fare del bene devolvendoli al progetto a Make-A-Wish® Italia Onlus.

Che ve ne pare di questa nuova realtà? A me piace molto!

Questo post nasce da una vera conversazione e collaborazione con YBC su own your conversation


Potrebbero interessarti anche:

Magliette dei personaggi preferiti dai nostri figli

mister cupido

Ero alla ricerca di magliette con i personaggi preferiti dai miei figli

Ero alla ricerca di magliette dei cartoni animati con i personaggi preferiti dai miei figli ed ho trovato il sito Mister Cupido che faceva al caso mio, tante magliette carine a prezzi abbordabilissimi.

Ho Second che mangia come un adulto e cresce per diventare tale con enorme velocità. Tutto quello che gli ho conservato dell’anno scorso non gli va.
First invece cresce mingherlino però molte maglie sono rovinate dai frequenti lavaggi (d’estate li cambio più volte al giorno) e alcune hanno macchie indelebili. Gliele metterò comunque magari per andare alla colonia marina, però per uscire volevo qualcosa di nuovo. Lui da quando ha il 2DS è diventato patito di Super Mario, si è comprato anche lo zaino della scuola di questa personaggio; così ha scelto lui di avere la maglietta di Super Mario e ne ho acquistata una dello stesso personaggio per Second.

Nella foto li vedete che giocano in giardino anche se c’è un po’ di pioggia, ma come sta bello con il rosso mio figlio? Che è già tutto bello abbronzato! Devo dire che i colori sono tutti belli vividi e per il momento hanno resistito ai lavaggi in lavatrice.

 

Spedizione veloce in 24/48h, devo dire una spedizione così celere fino ad ora l’avevo trovata solo su Amazon, costi contenuti a € 5,90. E se spendete oltre 39€, le spese di spedizione sono GRATIS! Con 4 magliette ho raggiunto giusto il prezzo per non pagare le spese di spedizione. Se vi iscrivete alla newsletter potrete usufruire di un’ulteriore sconto di 5 euro.

Con le taglie mi sono trovata bene, 8 anni per Second e 10 anni per First, sono in puro cotone, le stampe non si rovinano con i lavaggi ma mi raccomando quando le stirate sempre al rovescio e con il ferro da stiro non troppo alto.

Mister Cupido non è solo magliette ma ci sono tantissimi articoli all’interno del sito, bisogna solo avere un po’ di pazienza per scovarli tutti come in un normale negozio. Ma noi donne siamo davvero brave con lo shopping non ci batte nessuno!

 


Potrebbero interessarti anche:

Unlimited Love Operazione 1000 mamme

Unlimited Love Operazione 1000 mamme

Unlimited Love Operazione 1000 mamme

Giovedì 2 luglio alle 18 nello store Salmoiraghi & Viganò di Milano (piazza Cordusio).

Aiuteremo 1000 mamme attraverso una nuova linea di occhiali da sole firmati dall’ambasciatrice Filippa Lagerback, distribuiti nei punti vendita Salmoiraghi& Viganò e sul loro sito e-commerce.

Il bello di questa operazione è che tutti i protagonisti lo hanno fatto a titolo gratuito. Questo ci permette di coprire interamente i costi dell’operazione chirurgica di 1.000 mamme africane che hanno bisogno urgente di un’operazione oculistica ma non hanno le risorse per sottoporsi all’intervento.

Come puoi aiutarci? Pubblicando una tua foto con i nostri occhiali da sole, con l’asthag #cbm_unlimitedlove

Io ho scelto questi occhiali da sole, quali sono i tuoi preferiti?

Unlimited-love-invito

Caratteristiche:

Colore: HAVANA STRIATA
Genere: Unisex
Forma: Rotonda
Materiale: Acetato
Costo: 98,00 euro
D’estate gli occhiali da sole sono un obbligo per non rovinare la vista e non stringere gli occhi ed aumentare le odiose zampe di gallina. Devono essere di ottima qualità altrimenti non servono a schermare i reggi UVA, se poi facciamo anche del bene acquistandoli cosa possiamo chiedere di più?


Potrebbero interessarti anche:

Come fare per organizzare un matrimonio da favola

 

11101063_827408770639928_2346096229055622406_o

 

Come fare per organizzare un matrimonio da favola

Credo che la riuscita di un’ottimo matrimonio sia l’organizzazione e la cura dei dettagli e mi raccomando no panic! L’unico consiglio che mi sento davvero di darvi è di godervi la giornata, tutto ciò che potevate fare l’avete fatto, non c’è tempo per ripensamenti e rimpianti, godetevi questo giorno che capita solo una volta (forse) nella vita. Mia mamma è olandese e quando si è lasciata con mio padre è tornata al suo paese, io che ero già grandicella ho preferito rimanere in Italia che considero la mia casa. Mia sorella che era più piccola è andata con lei in Olanda quindi è cresciuta lì. Motivo per cui adesso che si sposa un olandese siamo dovuti partire per andare in Olanda e partecipare al suo matrimonio. gore-tex (480x640) Da Napoli abbiamo preso l’aereo Transavia, l’unico che fa il volo diretto per Amsterdam in due ore e quaranta minuti. Devo dire che se si prenota in anticipo, conoscendo la data del viaggio non si paga nemmeno troppo. Ai bambini ho fatto indossare le loro scarpe nuove con la tecnologia GORE-TEX le ho scoperte da poco ed è stato subito amore, sono comodissime e fresche ideali per il viaggio. Sono fresche perché hanno un sistema speciale di aerazione sulla suola e ai lati della scarpa che fa uscire il calore prodotto dal piede, ma sono anche impermeabili quindi se piove non entra l’acqua. Comode perché il sistema GORE-TEX viene implementato solo in scarpe di ottima qualità.

big days (480x640)

 

Arrivati in Olanda il giorno seguente siamo andati al comune per il matrimonio ufficiale. Lì non è come da noi il matrimonio in chiesa non ha nessuna valore legale, il “vero” matrimonio è solo quello al comune. Firmato e fatto la piccola cerimonia (senza scambio degli anelli) siamo andati in un coffee a mangiare una fetta di torta e bere un tè per festeggiare.

scarpe gore-tex (480x640)

Il sabato invece siamo andati a fare la funziona in chiesa. Mia sorella e mio cognato fanno parte di una chiesa Cristiana, il matrimonio è molto divertente ci sono tante canzoni suonate da una band, un piccolo sermone e poi lo scambio degli anelli che hanno portato i miei bambini. Ai miei figli è piaciuta così tanto la funzione che hanno deciso che si sposeranno in Olanda, vedremo se le loro mogli saranno d’accordo! Finita la cerimonia il pranzo è più o meno come i nostri anche se loro preferiscono un approccio al cibo più easy, infatti il servizio era a buffet.

location matrimonio

La location era meravigliosa immersa nel verde, per fortuna abbiamo avuto anche una bella giornata, cosa non sempre fattibile in Olanda dove il tempo in genere non è granché. Gli sposi erano meravigliosi (lo so sono di parte) e dopo il pranzo con i parenti sono arrivati gli amici per ballare con la musica di un dj, io che ero convinta che i miei figli sarebbero crollati sono stata smentita dai fatti a mezzanotte erano saltellanti come dei grilli!


Potrebbero interessarti anche:

Come prepararsi alle passeggiate con il bebè

Quinny Zapp xtra 2

Quinny Zapp xtra 2

Come prepararsi alle passeggiate con il bebè

Uscire a passeggiare con il proprio bebè, fa bene sia alla mamma (all’umore e perché no anche alla linea) e sia al bambino. E’ ormai assodato che anche il neonato trae notevoli vantaggi nello stare all’aria aperta, perché i raggi solari (che arrivano a noi anche nelle giornate più nuvolose) favoriscono la sintesi della vitamina D.

Uscire con un bambino piccolo, però, richiede più organizzazione e soprattutto indispensabile munirsi dei giusti accessori. Ecco qualche suggerimento:

–       Munirsi di una borsa con tutto il necessario per il bambino (pannolini e buste per buttare quelli sporchi, salviette umidificate, bavaglini, bottigline e ciucci se li utilizzate).

–       Evitare di uscire in giornate con un clima particolarmente sfavorevole (molto freddo, pioggia e/o vento) o magari scegliere in alternativa posti chiusi (tipo centro commerciale) ma non in giornate e orari in cui sono molto affollati per evitare che si facilitino le infezioni.

–       Evitare di percorre per lunghi tratti zone ad alto inquinamento, se avete la possibilità scegliere un bel parco può essere un’ottima soluzione.

–       Passeggino adatto alle strade che si percorrono e alle esigenze della mamma.

image

Come scegliere il passeggino giusto? A meno che non viviate in campagna o in zone in cui le strade sono molto dissestate, è sempre meglio scegliere modelli più leggeri, indispensabili per chi vive in città. Oltre alla leggerezza, è molto importate scegliere un passeggino che si chiuda con facilità e che non occupi molto spazio da chiuso, in modo particolare se avete la necessità di spostarvi in auto.

Un esempio di passeggino che presenta tutte le caratteristiche ideali per le mamme attive e che amano passeggiare è il Quinny Zapp Xtra 2. Zapp Xtra 2 è un passeggino leggero che può essere utilizzato fin dalla nascita in combinazione con i seggiolini auto Bebé Confort Pebble Plus o CabrioFix. Sempre per permette l’utilizzo del passeggino anche con neonati, c’è la possibilità di aggiungere un  riduttore nascita che è un cuscino ideato per assicurare una posizione perfettamente orizzontale e piatta, ideale per accogliere i neonati sulla seduta dei passeggini Zapp Xtra 2. Sono inclusi alcuni  accessori, come, ad esempio,  il parapioggia e  il cestello portaoggetti ( fino a 5 kg.!). La gamma di accessori Quinny dispone, come optional di molti altri elementi come: il corrimano, l’ombrellino e il portabibite.

 

Il passeggino è sia reversibile e sia reclinabile: risulta reclinabile in due posizioni quando si trova fronte mamma e in ben tre posizioni quando è fronte strada. Inoltre, anche il poggiapiedi risulta regolabile, in modo tale da conferire una maggiore comodità per il bambino. Si chiude con facilità e occupa uno spazio molto ridotto, ideale per chi si sposta in auto. Ho scelto il nuovo colore verde acqua per il mio maschietto che non vedo l’ora che arrivi, sperando di poterlo utilizzare anche per la femminuccia che arriverà poi?

Dunque, se come me amate molto passeggiare, vi spostate spesso in auto e non amate ne avete necessità di passeggini troppo pesanti, questo è il passeggino che fa al caso vostro.

Futura Mamma

Debora Monica Ercolano


Potrebbero interessarti anche:

Abbigliamento Original Marines

original marines

Abbigliamento Original Marines

Ero alla ricerca di una giacca blu per First e Second, siamo stati invitati ad una comunione a settembre, vorrei  sfruttare il completo che hanno indossato al matrimonio di mia sorella. Solo che invece di mettere la camicia panna a maniche lunghe (che si abbinava agli abiti degli sposi) vorrei fargli mettere la camicia 1/2 manica bianca che era proprio quella del completo che vedete in foto. Ma se dovesse piovere e fare freddo? Allora ho pensato che potevo acquistare una giacca blu, perché la fodera interna dei vestiti e blu.

scarpe gore-tex (480x640)

La marca del completo (H&M) però non la faceva, così sono andata nel negozio Original Marines e ho trovato questa bella giacca che vedete nella foto in alto. Pagata poco (44,90) mi hanno pure regalato una maglietta di cotone brandizzata, perché avevo (quasi) raggiunto i 45 euro di spesa.

Mi è sembrata di buona qualità infatti ho controllato l’etichetta ed è composta per il 98% cotone e solo con il 2% di elastem. Allo stesso tempo non troppo cara, perché tanto l’anno prossimo non gli andrà più e quante volte potrà metterla una giacca elegante? Ma farà comunque la sua figura non è bellissimo il mio bambino?

Mi sono informata ed in effetti Original Marines rinnova per il sesto anno consecutivo la partnership con COTTON USA dicono: “il cotone che Original Marines utilizza per realizzare i propri capi di abbigliamento è uno dei migliori al mondo, naturale e resistente.” #CottonLovers ribadisce come i capi siano in grado di mantenere intatti colore e vestibilità anche dopo un anno di lavaggi. Il cotone COTTON USA è tra i più puri al mondo, naturale, pregiato e resistente.L’azienda s’impegna ad offrire prodotti di elevata qualità, capaci di accontentare le mamme sempre più esigenti ed informate quando si tratta del benessere dei propri bambini (e se ve lo dice Spermamma ;-)).



Potrebbero interessarti anche:

Come vestirsi seguendo il proprio fisico

Come vestirsi in base al fisico

Come vestirsi seguendo il proprio fisico

Il fisico prefetto non esiste e soprattutto ogni donna è diversa dalle altre (e meno male, altrimenti sai che noia?). Molto spesso capita di non amare una particolare parte del proprio corpo e questo porta a condizionare in maniera negativa la vita di non poche donne.

La vera bellezza sta nell’amarsi ed accertarsi per quello che si è. Una volta fatto questo, possiamo finalmente iniziare a valorizzare i punti forti e ‘’camuffare’’ quelli deboli. Ecco qualche consiglio su come fare:

Seno piccolo: alcune donne fanno fatica ad accettare un seno non molto prosperoso. Un seno piccolo in realtà è molto elegante e permette di giocare con varie scollature senza risultare volgare o troppo appariscente. Quindi osate con scollature a V anche profonde e perché non giocate anche con qualche scollatura all’americana. Se volete cercare di ‘’riempire’’ un poco la zona aiutatevi con pieghe, righe orizzontali, stampe e colori vivaci.

Seno grande: un seno grande sicuramente attira molto le attenzioni e questo porta molte donne a volerlo nascondere. Per questo motivo alcune ricorrono a maglie larghe che però rischiano di ingrossare la figura. La scelta migliore è quella di indossare capi morbidi che vanno ad abbracciare il seno ma che allo stesso tempo non risultino troppo aderenti. Anche chi ha il seno grande può ricorrere a scollature a V, a patto che non siano troppo profonde. Mi raccomando attenzione al reggiseno! Assicuratevi che vi sostenga ma che allo stesso tempo non vada a comprimere troppo causando antiestetiche ‘’fuoriuscite’’.

Fianchi larghi e vita stretta: In questo caso è meglio indossare abiti che vadano a porre l’attenzione sulla vita, magari con una bella cintura. Indossate abiti che scendano morbidi sui fianchi ed evitate pantaloni dai colori troppo accesi o stampe, in modo tale che l’attenzione non vada a focalizzarsi proprio su quella zona. I pantaloni a vita alta sono da preferire a quelli a vita bassa.

Pancetta: se il vostro punto debole è la pancia, puntate su abiti e maglie stile impero, che valorizzare seno e scendono morbide sul resto del busto. Anche le bluse e le camicette che cadono morbide possono essere una buona soluzione. Si a colori tenui nella parte superiore e a pantaloni a vita alta.

Spalle larghe: per chi ha le spalle larghe e non vuole concentrarci troppo l’attenzione, meglio evitare collane troppo vistose, dolcevita e maglie senza spalline, ottimo rimedio lo scollo a V anche dietro che le slancia.

Le gambe: se le vostre gambe non sono proprio del genere ‘’alto e slanciato”, niente paura! Tacchi e zeppe possono essere un valido aiuto nello slanciare la figura. Evitate tessuti elasticizzati sulle cosce e preferite quelli che cadono morbidi e leggeri. Come al solito, meglio evitare toni troppo accesi sulle zone che non vogliamo mettere in evidenza. Attenzione a gonne e pantaloni che arrivano al ginocchio, rischiano di tagliare la figura.

Avete individuato il vostro tipo di fisico? I punti di forza e quelli di debolezza? Bene in base ai miei suggerimenti adesso andate nel vostro armadio, decidete gli outfit di ciò che vi sta bene ed eliminate senza pietà tutto ciò che non vi dona.

Futura Mamma

Debora Monica Ercolano

 

 


Potrebbero interessarti anche:

Se aspetti un bambino l’alcool può attendere

Mi è arrivata una mail in cui mi si chiedeva di dare visibilità a questa campagna che continuerà fino al 9 agosto per sensibilizzare sull’argomento: “no alcool in gravidanza.”

Personalmente non mi piace bere nemmeno quando non sono incinta, quindi non mi sono posta il problema. Però sapevo che faceva male, soprattutto nei primi mesi quando il bambino si sta formando, ho letto anche che in alcuni casi favorisce l’aborto, ma sono andata sul sito dell’iniziativa per avere informazioni più chiare e riguardo al mio dubbio, e ho trovato questa risposta:

“COSA PUÒ SUCCEDERE AD UN BAMBINO ESPOSTO AI DANNI DA ALCOL PRIMA DI NASCERE?”
I danni legati al consumo di alcol in gravidanza possono essere evidenti nel bambino già alla nascita, attraverso visibili malformazioni del viso, ritardi nello sviluppo psicofisico o, ancora, il manifestarsi nel corso dell’infanzia di problemi d’attenzione, di memoria, d’apprendimento, di relazione e d’integrazione sociale.

A seconda della gravità di questi danni si parla di FAS, sindrome fetale alcolica, FAE, difetti alla nascita alcol correlati, FASD, disordini collegati all’uso di alcol in gravidanza. Non esiste alcuna cura per questi problemi e il bambino è costretto a conviverci per tutta la sua vita.”


Potrebbero interessarti anche:

Come viviamo la maternità al giorno d’oggi

Come viviamo la maternità al giorno d'oggi

Come viviamo la maternità al giorno d’oggi

Il modo di vivere la gravidanza è molto cambiato non solo rispetto a come era per le nostre nonne, ma anche rispetto alle nostre mamme. Che cosa deve aspettarsi una donna che affronta la gravidanza nei nostri tempi?

Che non bisognava mangiare per due lo sapevamo ma …

Le nostre nonne, e in alcuni casi anche le nostre mamme, venivano portate a pensare che in gravidanza si dovesse mangiare in abbondanza, ora non solo questo mito è sfatato ma addirittura la tendenza è completamente opposta. Molti ginecologi sono armati di bilancia, quindi preparatevi alla pesata mensile con tanto di sgridata o sguardo di disapprovazione se il vostro peso non corrisponde a quello che sta nella mente del vostro dottore. Non è raro che vi potrebbe toccare una dieta priva di pane e pasta e/o senza sale. Dunque, se pensavate di poter mandare vostro marito a comprarvi il gelato alle due del mattino, sappiate che potrebbe succedere di dovervi ritrovare a mangiare ancora meno di prima che aspettavate il vostro bambino. Le donne moderne in gravidanza stanno a dieta! Addio alle famose voglie!

E se lavori…

In Italia, il congedo di maternità è il periodo di astensione obbligatoria dal lavoro riconosciuto alla lavoratrice durante il periodo di gravidanza e puerperio, in cui la futura mamma percepisce un’indennità economica a sostituzione della retribuzione. Di norma, vengono assegnati due mesi rispetto alla data presunta (parto prematuro o precoce), ai tre mesi dopo il parto si aggiungono i giorni compresi tra la data effettiva e la data presunta. Molte mamme scelgono di lavorare fino ad un mese precedente alla data presunta per poter avere un mese in più dopo la nascita del bambino. Da questo ci possiamo rendere conto che il famoso riposo, nella gestazione delle donne moderne, non è molto contemplato. E guai a non avere un piano per il dopo, ossia a chi lasciare il bebè quando si rientrerà a lavoro.

Chi ha ragione?

Siamo sempre più informate e… siamo sempre più confuse! Le informazioni non ci mancano, peccato che molto spesso non siano concordi tra loro. Lo specialista dice una cosa, al corso pre-parto ce ne dicono un’altra. L’amica dice no al ciuccio, nostra madre ci dice di si! In televisione ci danno delle informazioni, su internet ne troviamo altre. Come fare per non impazzire? Arrivate ad un certo punto mettete davanti l’istinto di mamma.

La mamma moderna è sempre al top …

Che noi donne siamo esigenti con noi stesse lo sapevamo già, ma mentre una volta era accettata con una certa serenità che dopo il parto fosse normale non essere in forma smagliate, ai giorni nostri spesso si verifica una gara a chi sfoggia per prima la famosa ‘’tartaruga addominale post-partum’’! Questo, in certi casi, può comportare una certa pressione psicologica che porta alcune donne a voler apparire subito al meglio e quindi a soffrire per i chili in più e la pancia non proprio tonica.

Io, te e le crisi di pianto (non specifichiamo di chi)…

Altra differenza con le nostre progenitrici, sta nel fatto che, una volta le neo mamme erano circondate dalle donne della famiglia. Negli ultimi anni, le famiglie meno unite, i genitori lontani o ancora impegnati con il lavoro, portano ad un certo ‘’isolamento’’ della mamma, che appunto si ritrova improvvisamente da sola con un piccolo urlatore che dipende al 100% da lei. Alcune mamme riescono a trovare un supporto nel web (vedi le mamme sul web), che non risolve i problemi ma sicuramente può aiutare a sentirsi meno sole.

Futura Mamma

Debora Monica Ercolano

 

 


Potrebbero interessarti anche:

Pigiami divertenti per mamme e bambini

zucca stragata (1)

Pigiami divertenti per mamme e bambini

Le camicie da notte saranno pure carine ma io non le sopporto perché la notte mi muovo molto e se ne salgono, quindi ho sempre preferito i pigiami. Siccome mi piace però che siano almeno divertenti, sono andata sul sito della Zucca Stregata per me ho scelto il pigiama Polly sono una s come taglia e mi sono trovata, mi va alla perfezione. E’ rosa con i porcellini e ogni tanto qualche lupo cattivo.
Poi ho acquistato per i bambini il pigiama Joy per Sedond di 7 anni blu con le giraffe taglia 8 per First di 9 anni azzurro, taglia 10 con gli orsetti.

Non siamo bellissimi?

zucca stregata pigiama

Il marito devo dire che è andato in gelosia, lo vuole pure lui! Dite che glielo devo prendere? Non l’ho fatto perché in genere lui non li indossa.

Un po’ di coccole, una ninna nanna… E shhhh, finalmente si dorme. Nel week end gli permetto di dormire insieme perché Second reclama il fratello che dormendo sul letto a castello lo sente lontano. Finché ci entrano e dormono bene li accontento.

pigiama (640x480)

La confezione in cui arrivano sono troppo carine: di stoffa, lo stesso colore dei pigiami quindi l’ideale per fare un regalo o da conservare. Ad esempio io le uso per mettere le cose sistemate in valigia quando partiamo.

zucca stregata


Potrebbero interessarti anche: