Festa di compleanno a tema Minion

sweet table minion

Festa di compleanno a tema Minion

Al cinema il film Minion è piaciuto tanto che Second ha già deciso che sarà la sua prossima festa del suo compleanno. Come sempre Pinterest è una miniera di idee, c’è tantissimo sui Mignon, tanti tipi diversi di torta, cercherò una maglietta gialla per fare la decorazione e farla indossare a lui e ai suoi amichetti.

57ac83a16c0355243c429db04b1cadd1
La tavola e la casa sarà tutta decorata blu e giallo, stamperò gli occhi da attaccare: sui fazzoletti, sulle bottiglie, la caraffa per il succo di frutta all’arancia eccetera.

posate minion
Come regalo mi piacerebbe dare un sacchetto di caramelle gialle e blu e magari anche uno di perline per potersi poi costruire un bracciale o una collana.

kit minion

Se siete brave con le mani potreste fare il vostro Minion da sole con la pasta di zucchero colorata, sul link troverete la ricetta, se non vi fidate di mettere troppi coloranti, potete acquistare quella già pronta nei negozi per feste. Mi raccomando preparatelo in anticipo perché ha bisogno di asciugarsi.

pasta di zucchero minionQui troverete la ricetta per fare il pan di spagna da utilizzare come base. Un ripieno che ha sempre un grande successo è sicuramente la crema gianduia.

maglietta minion


Potrebbero interessarti anche:

Festa di compleanno per i 40 anni

Festa di compleanno per i 40 anni

Festa di compleanno per i 40 anni

Il marito sta per festeggiare i 40 anni, volevo organizzargli una festa di ballo la sera con la musica, magari a tema anni ’70 ma lui è molto schivo, si vergogna di stare al centro dell’attenzione e a quanto pare non riesco a convincerlo. Non sono convinta nemmeno della festa a sorpresa perché a lui non piacciono le sorprese e ho paura di rovinargli la giornata e di rovinarmela anche io, se dovessi vederlo insoddisfatto. Quindi alla fine credo che faremo semplicemente un pranzo a casa con i parenti.

284566dfc81d4dd40ec35eafd7a6a24d

Gli vorrei regalare a questo punto un bel cellulare perché il suo non è granché, nonostante io mi trovi bene con l’i-phone credo che opterò per un Android, che con il lavoro che fa non vale la pena di usare un cellulare troppo importante, l’importante è che faccia delle belle foto che a volte per lavoro ne ha bisogno.

0c607578808fb88aa7b96d7e6d286a68Sicuramente gli voglio fare un barattolo con i bigliettini in cui elenco le 40 ragioni per cui lo amo, mi farò aiutare anche dai nostri figli. Mi piace anche la maglietta “vintage” con la data di nascita.

23d0e8606995245c37019967de2ca7b8

Per il pranzo ho pensato di preparare: le verdure grigliate e tanti panini da riempire con salumi e formaggi, sopra metterò le bandierine dei 40 anni, focacce ai vari gusti, tutto da servirsi da soli tipo buffet, ovviamente ci saranno anche i palloncini e i cup cake e la torta con le candeline buon compleanno.

cup cake

 

Come pensierino per i partecipanti credo che farò semplicemente dei biscotti decorati con la glassa di zucchero e ovviamente bibite a volontà sennò non c’è divertimento!

bibite


Potrebbero interessarti anche:

Le donne in base alle stagioni

consigli antietà over 40

Le donne in base alle stagioni

Quando feci il corso con Claudia Mencaroni, autrice del libro: 101 look giusti per 101 occasioni al mammacheblog dell’anno scorso ho scoperto di essere:

La donna primavera ha la carnagione luminosa, con tonalità tendente al giallo o all’oro. Con i colori caldi adatti, il suo colorito diventa color pesca, dorato, oppure prende il colore dell’avorio chiaro. Alcune donne primavera hanno un incarnito trasparente, color pesca, altre lentiggini dorate. Spesso le loro guance sono rosa.

Il colore dei capelli della donna primavera varia dal biondo dorato o molto chiaro ai colori del miele. Può tendere al rosso o essere castano dorato, spesso con riflessi ramati.

Il colore degli occhi è chiaro: verde, azzurro, turchese, color ambra, castano dorato. Sovente l’iride è cosparsa di pagliuzze dorate. Gli occhi di alcune donne primavera sono luminosi e chiari come il ghiaccio.

Le donano i colori a base dorata: avorio, color miele, verde chiaro, albicocca, pesca, violetto, ma anche rosa corallo e color fiordaliso. La donna primavera dove evitare il nero e il bianco latte e tutte le tonalità fredde che la fanno apparire pallida e stanca. Se proprio dovete usarle non vicino al viso oppure in alternativa utilizzate una sciarpa di un colore che vi sta bene.

Personalità piena di temperamento, la donna primavera è pronta, cordiale e le piace essere al centro dell’attenzione. La sua bellezza è senza tempo e appare giovane fino a tarda età.

DONNA ESTATE:
La pelle della donna estate è molto luminosa, ambrata, rosata, a volte cosparse di lentiggini. Si abbronza facilmente, diventando color nocciola. Il colore dei capelli è biondo platinato. Alcune hanno i capelli castani o bruni, anche con riflessi rossi. Gli occhi sono generalmente azzurri, grigi, o verdi con riflessi sempre azzurri ma anche grigi.

Stanno bene tutte le tinte fredde e polvere con tonalità azzurre: rosé tendente al blu, celeste freddo, bordeaux, verde-azzurro, verde pastello o bianco panna ma dovrebbe evitare il bianco ghiaccio, il nero e i toni del marrone tendenti al giallo.

DONNA AUTUNNO:
I colori freddi e i contrasti non stanno bene al tipo autunno.
Il colorito è caldo e luminoso, con un fondo dorato.
La pelle può essere di colore avorio chiaro o rosato, spesso punteggiato di lentiggini.
Sono per natura  pallide, raramente hanno le guance rosate. Ha per lo più i capelli biondo spento, rosso fuoco intenso, castano nelle sfumature di rame, oro, ambra, nero corvino.
Gli occhi hanno un colore caldo: castano dorato, castano scuro, nocciola , verdi chiarissimi, azzurri, turchese, blu o verde oliva.
Tutte le tonalità della terra e dell’oro fanno apparire i tipi autunno nella luce migliore.
Un caldo albicocca o un rosso-arancione valorizzano a pieno la loro carnagione color pesca.
Altri colori adatti sono: verde bottiglia, petrolio, ruggine, granturco.

Da evitare i colori troppo decisi del blu, il rosa shocking e altri colori troppo accesi.

La DONNA INVERNO:
Ha occhi e capelli scuri in contrasto con la carnagione chiara. Ha lineamenti marcati, il suo volto esprime forza. I capelli sono neri e corvini, castano scuro; la pelle  chiarissima,  porcellana o olivastra ma mai dorata. Lo sguardo è penetrante, incorniciato da sopracciglia scure e marcate.

L’iride è marrone scura o scurissima molto compatta, oppure nocciola trasparente.  I colori amici sono: l’antracite, il melanzana o blu notte; sfumature del rosso cardinale, viola e verde smeraldo.

No a colori come marrone, beige, cammello. Può osare accostamenti insoliti come l’antracite e il bordeaux, blu navy e prugna. Per mettere in evidenza la sua figura può vestirsi con i contrasti bianco e nero, o abbinando colori scuri. D’effetto anche blu inchiostro, vinaccia e verde pino.

In genere trovo che i colori che si avvicinano all’iride in viso ci stanno sempre bene. Voi avete scoperto che tipo di donna siete? lo sapevate già?

Non dimenticate di scegliere oltre al colore anche il giusto tessuto e forma dell’abito, in base anche alla forma del vostro corpo ad esempio io sono una clessidra e voi? Se non lo sapete andate sul post dove vi spiego le forme più comuni di fisico.


Potrebbero interessarti anche:

I miei segreti di bellezza

consigli antietà over 40

Buongiorno donne! Oggi voglio condividere con voi i miei: I miei segreti di bellezza.

Non so se capita anche a voi ma quando cambia la stagione, sento più forte il bisogno di prendermi cura di me. Soprattutto d’estate quando i capelli sono rovinati dalla salsedine, cloro e sole. La pelle è secca e il viso segnato … è arrivato il momento di correre ai ripari.

Per prima cosa faccio come per i medicinali: controllo che non ci siano prodotti scaduti, secchi, rovinati o che semplicemente non uso perché non mi piacciono, o per il make-up se sono nuance che non mi donano o non si portano più. Poi parto con lo Shopping intelligente. Faccio una bella lista e compro quello di cui ho bisogno.

Cominciamo con ordine.

Capelli – dipende da come sono: lisci, ricci, secchi, grassi voi sapete quali sono i trattamenti migliori, dovete trovare solo il tempo di farli! Ad esempio per i miei secchi e ricci, è obbligatorio usare il balsamo e la maschera dopo ogni shampoo e spesso metto prodotti nutrienti senza risciacquo e olio di semi di lino sulle punte.

 

Poco gel, spuma e phon che finisce di seccarli. Quando è iniziata la scuola estiva dei miei bambini la mattina stessa stavo dalla parrucchiera per un restyling: taglio, trattamento lisciante e colore … ora sì che sono un’altra donna!

 

Viso- usare sempre latte detergente e tonico se vi truccate, crema idratante ogni volta che vi lavate il viso, sia se lo fate solo con acqua o con detergenti specifici, come vi trovate meglio e in base al vostro tipo di pelle. Una volta alla settimana fare uno scrub e mettere una maschera specifica, io adoro quelle antistress o rivitalizzanti, sempre sulla pelle pulita e rispettando il tempo di posa in genere 10 minuti, metto il timer (che è uno strumento che non mi abbandona mai), così sono sicura di non dimenticarmi.

 

Una volta ne ho usata una all’argilla, era verde e diventava bianca quando si seccava ero praticamente un mostro! E per la mia pelle che è secca era troppo aggressiva. Ho provato anche quelle a strappo ma è un casino per strapparle, quindi le mie preferite rimangono quelle in gel: inodori, incolori e subito si risciacquano, perfette!

 

Corpo – qui dipende dai bisogni: almeno una volta alla settimana (ma anche più di frequente se avete il tempo e la pazienza) scrub e crema idratante per tutte, poi ci sono creme specifiche per ogni esigenza: snellente, anticellulite, rassodante e chi più ne ha più ne metta. Non fanno miracoli ma se migliorano l’umore vale la pena provarle.

 

Quando è estate come adesso non possiamo esimerci dall’epilazione, sia che andiate al mare, in piscina o semplicemente per indossare una bella gonna oppure un pantaloncino.

 

Se state per partire per le vacanze (beate voi le mie ormai sono già finite!) non dimenticate di fare un’accurata Depilazione all’inguine: come procedere correttamente con cerette, creme e strisce depilatorie, in base alle vostre esigenze e preferenze. Ricordate solo che la ceretta dura molto di più (fino a 4 settimane) e indebolisce i peli. Le creme dipende dalla ricrescita ma diciamo che un paio di settimane ce la potete fare. La depilazione fatta con il rasoio dura tre giorni, quindi vedete un po’ voi se vi conviene.

 

Vi auguro una giornata piena di bellezza. Angela.


Potrebbero interessarti anche:

Consigli antietà per donne over 40

consigli antietà over 40

Ho appena finito di leggere il libro Toujours chic e c’erano  tanti consigli su come mantenersi belle e chic dopo i 40 anni, io ci sono vicinissima quindi sto iniziando a studiare, ecco cosa consiglia il libro, l’autrice Tish Jett assicura di averli provati tutti e che danno ottimi risultati.

Metodi di bellezza per le over 40

Dormire almeno sette ore a notte.
Bere 2 l di acqua al giorno.
Mangiare cinque porzioni di frutta e verdura al giorno.
Assumere vitamine e selenio.
Neostrata crema.
Vitamina C e acido ascorbico.
Retin-A (oppure un altro trattamento con la retinoina) è nata come un trattamento per l’acne, poi chi l’ha utilizzata ha notato che la pelle appariva più giovane, si applica solo la notte e all’inizio mai tutte le sere, dobbiamo dare il tempo alla vostra pelle di abituarsi.

  • si applica la Retin-A sulla pelle asciutta, 20 minuti circa dopo aver deterso accuratamente il viso.
  • La quantità della crema che va applicata sul viso, dovrà avere al massimo le dimensioni di un pisello, e un po’ di più se la mettete anche sul collo. Una buona tecnica consiste nel tamponare il prodotto sulle aree maggiormente interessate dalle rughe, dalle macchie dell’età, etc…, e poi spargere le eventuali tracce rimanenti della crema sul resto del viso.
  • Aspettate 20 minuti affinché la Retin-A venga pienamente assorbita dalla pelle, poi applicate la crema idratante. Al mattino, lavate accuratamente il viso prima di applicare un’altra crema idratante che contenga un fattore di protezione solare elevato. (motivo per cui proverò questa crema dopo l’estate)
  • A volte, può essere difficile spalmare la quantità consigliata di Retin-A pari a un pisello su tutte le aree del viso sulle quali è necessaria. Una buona soluzione a questo problema è mescolare la Retin-A con la crema idratante notturna prima di applicarla sul viso.

Ottime le creme con eucerin e acido ialuronico. La sera mettete un siero alla vitamina, fatelo asciugare un paio di minuti e poi sigillatelo con una buona crema da notte.
Una volta alla settimana fate un buon gommage e poi mettete una maschera idratante.

Mettere SEMPRE il primer prima di truccarsi, aiuta ad appianare e riempire le rughe.

Se volete qualcosa di più forte potreste riccorrere alla Mesoterapia grazie all’aiuto di un medico che vi farà delle iniezioni di vitamina e acido ialuronico. Le quali aiutano il collagene della pelle a riformarsi.

Trattamento di bellezza per i piedi

mettete acqua calda con una manciata di sale marino è un’aspirina effervescente.
Finito il pediluvio fate un gommage sui piedi.
Alla fine mettete il burro di Karite’ o di Argan, indossata delle calze di cotone pulite andare a dormire.

Vi avevo già raccontato qual’era la mia Daily routine over 40, qual’è la vostra? Attendo i vostri segreti, sono curiosa!


Potrebbero interessarti anche:

Fecondazione Assistita Costi

parto naturale

Fecondazione Assistita Costi

Vi avevo già parlato della fecondazione assistita su blog family, ma vediamo se davvero foste interessati ad intraprendere questa strada, dopo aver provato naturalmente ad avere dei bambini senza successo, quando tutto ciò potrebbe costare.

Grazie ad <IVI> problemi come: l’età, l’endometriosi, la menopausa precoce, o l’ipofertilità maschile (spermatozoi scarsi) del partner non sono ostacoli insormontabili, si farà in modo che il vostro bambino possa venire al mondo ugualmente.

Vediamo come funziona nel dettaglio:

L’inseminazione artificiale consiste nella collocazione di un campione di sperma, previamente trattato in laboratorio, all’interno dell’utero della donna (visto che con il metodo naturale questi sembravano perdere la strada), per incrementare il potenziale degli spermatozoi e le possibilità di fecondazione dell’ovulo. In questo modo si abbrevia la distanza che separa l’ovulo e lo spermatozoo e si agevola l’incontro. Avrebbero dovuto farci il collo dell’utero con le indicazioni stradali! Giusto per alleviare un po’ la tensione, lo so che non riuscire ad avere figli dev’essere molto dura, per fortuna adesso la scienza e la tecnica hanno fatto passo da giganti nell’aiutarci a far avverare il nostro sogno di maternità.

Alle donne viene fatta una stimolazione ovarica, necessaria per incrementare le possibilità di successo, dato che per via naturale la donna produce solamente un follicolo e, di conseguenza, un solo ovulo per ciascun ciclo mestruale. Per far aumentare la produzione di ovuli, si deve procedere al trattamento con una durata che va dai 10 ai 12 giorni.

Dopodichè quando lo sperma e l’ovulo sono pronti, si fa passare una cannula attraverso il collo uterino, che permette di inserire il campione di sperma direttamente all’interno dell’utero.

Ma veniamo alla parte che c’interessava oggi il prezzo di 4995 euro comprende:

  • Ormoni del ciclo
  • Controlli ecografici
  • Iniezione e laboratorio
  • ICSI
  • Transfer
  • Bhcg
  • Richiesta dei risultati

Confrontateli anche con altri operatori ma secondo le mie ricerche non troverete tariffe migliori, in bocca al lupo, con affetto Angela.

Il sistema sanitario da gratis le prime 3 prestazioni


Potrebbero interessarti anche:

Festa a tema Avengers

thorn

Festa a tema Avengers

Sarà che ormai mi sono fatta una ragione ad avere i figli maschi, oppure che mi sono stancata delle storie d’amore… fatto sta che mi sono appassionata ai supereroi (c’entrerà qualcosa che sono supermamma? ;-)).

L’ultimo film che abbiamo visto è stato Avergers Age of Ultron a me piace più di tutti Iron Man ed anche l’attore che lo interpreta, ma non ditelo a mio marito che è geloso! I bambini invece si sono innamorati di Thorn e Capitan America. Mi hanno chiesto di organizzargli una festa a tema Avengers e non potevo certo deluderli!

Ho cercato un po’ in rete e alla fine ho ordinato dal sito Funidelia.it un negozio on line di costumi per bambini e accessori per i travestimenti di bambini, adulti e cani. Capitan America e Thor come da richiesta.

Avengers

Le bambine invitate alla festa ovviamente erano libere di vestirsi come volevano dato che negli Avengers la donna è solo una e il suo abbigliamento spartano da spia, non può certo piacere a delle bambine che per il momento sognano, principesse e fate.

Ovviamente i costumi li conserverò anche per carnevale e magari anche per Halloween, che a me i costumi paurosi non sono mai piaciuti. Infatti l’hanno scorso li ho vestiti da Minion e quest’anno sono disposta e fare un’eccezione per L’incredibile Hulk, quando ero piccola vedevo sempre il telefilm e mi piaceva tanto.

Come sempre preparerò da sola il buffet con tante cose buone adesso ad esempio che è estate e fa caldo metterò anche tanta frutta già pulita e tagliata, se ci si mette un po’ di zucchero e qualche goccia di limone non si ossida.

Magari acquisto anche un DVD degli Avengers così i piccoli invitati tra un’attività e l’altra, se avranno voglia di riposarsi un po’ potranno vedersi il film.

Capitan America


Potrebbero interessarti anche:

Enuresi notturna come affrontarla senza drammi

enuresi notturna

Per le mamme e per i loro bambini l’ “enuresi notturna”, o più semplicemente la “pipì a letto”, può trasformarsi in un vero incubo. Per evitare che ciò accada, è consigliabile essere bene informati sul fenomeno e sapere come affrontarlo senza drammatizzare e risparmiando traumi ai piccoli.

Innanzitutto, per enuresi notturna si intende l’involontaria perdita di urina che interessa i bambini dai 3 anni in su, un’età in cui avrebbe dovuto essere già stato raggiunto il controllo della vescica. Essa può diventare un serio problema di natura psicologica, soprattutto a partire dai 5 anni, ovvero quando cominciano a presentarsi le prime occasioni “sociali” (gite, inviti a dormire da amici etc.) per i bambini. Ma attenzione: a differenza di quanto si pensi, la pipì a letto non è quasi mai adducibile a ragioni psicologiche, ma piuttosto ai diversi ritmi di crescita e di raggiungimento del controllo sfinterico, sui quali intervengono in genere fattori sia ambientali che relazionali.

Ne esistono due tipologie: l’enuresi primaria e l’enuresi secondaria. La prima riguarda quei bambini che non hanno ancora sviluppato il controllo della vescica e quindi non sono mai stati “asciutti”. La seconda, invece, interessa quei bambini che bagnano il letto dopo lunghi periodi di asciuttezza. In quest’ultimo caso, la perdita di urina può essere collegata a un fattore emotivo, ad esempio alla paura di affrontare un cambiamento come l’inizio della scuola oppure un problema familiare.

Per combattere questo disturbo è fondamentale adottare l’atteggiamento giusto e non trasmettere al bambino un senso di frustrazione che ne comprometta l’autostima. Un modo per farlo è evitare che il momento di andare a dormire sia vissuto in modo negativo: lo si può quindi addolcire con un bagno divertente, una favola o delle coccole a letto. Come terapia motivazione, si può inoltre compilare un diario in cui segnalare le notti asciutte.

Per arginare il problema, si consiglia di limitare l’assunzione di liquidi (e in particolare bevande gassate o a base di caffeina) nelle due ore precedenti la nanna. Previo parere medico, si possono anche adottare terapie quali agopuntura, omeopatia e chiropratica, oppure far praticare al bambino esercizi mirati al controllo della vescica. Dal punto di vista pratico, infine, è bene tenere sempre a portata di mano pigiami e lenzuola di scorta e mutandine assorbenti.

Per ulteriori informazioni e suggerimenti sull’enuresi notturna clicca qui http://www.nottiasciutte.it/. Buona fortuna!


Potrebbero interessarti anche:

Pigiama party fosforescente

pigiama party

Pigiama party fosforescente

Avevamo un po’ di rimanenze luminose del glow party che avevamo fatto e i miei Child avevano voglia di organizzare un pigiama party con le loro amichette del cuore, abbiamo messo le due cose insieme e ne è venuto fuori questo pigiama party fosforescente.

fosforescente

Cosa vi occorre se volete farlo anche voi:

per la cena io ho preparato le pizze e poi per antipasto il solito mix di: patatine, noccioline, pop corn.

Informatevi e organizzatevi per la colazione del giorno dopo.

Le cannucce luminose che avevo ero corredate con dei pezzetti di plastica che ci hanno permesso di fare cappelli, bracciali, collane, occhiali e palline luminose. Ma alla fine si sono divertiti a fare un serpentone luminoso che invadeva tutta la stanza.

Mi hanno detto che se si congelano le stecche luminose si possono riutilizzare, ci abbiamo provato ma comunque la luminosità che avevano all’inizio non l’anno più e si scaricano velocemente.

Per fortuna un pacco da 100 cannucce costa poco quindi è una spesa che si può affrontare ad ogni party tranquillamente. I miei bambini sono abbastanza grandi quindi si gestiscono da soli, si raccontano storie di paura, mettono la musica e ballano, alla fine sono caduti addormentati a mezzanotte sotto nostra minaccia che non avremo organizzato un pigiama party mai più.

Se pensate che i miei figli max alle 21 sono a letto, erano distrutti. La mattina poi comunque si svegliano presto perché sono emozionati di continuare la festa. Ve la ricordate la festa campeggio in giardino che ho fatto l’anno scorso? I bambini ne stanno ancora parlando! Il nonno ha costruito una casetta in legno per farli giocare e stiamo quasi pensando di organizzare un pigiama party anche lì. Un giorno ci hanno provato i miei figli, sono partiti con i sacchi a pelo, cuscino, pile… dopo 1/2 sono tornati perché avevano paura di stare da soli 😉 ma magari in compagnia si divertono, io lo farei… da piccola avrei tanto voluto un posto tutto mio in cui rifugiarmi.


Potrebbero interessarti anche:

Come monetizzare con il blog

your brand camp

Come monetizzare con il blog

Lo so che lo volete sapere come si fa a monetizzare con il blog e ho deciso di fare questo post per voi curiosoni.

Un 10% delle entrate deriva da banner a click come può essere adsense, se avete un blog davvero forte con tante visite giornaliere potrebbe essere anche il 50% del vostro ricavo (ma non è il mio caso purtroppo).

Affiliazioni tipo Amazon danno una % su ogni prodotto venduto che proviene dal vostro sito.

Banner a pagamento di ditte che vogliono pubblicizzarsi sul vostro sito.

Tutto il resto delle entrate deriva da post sponsorizzati.

Una parte saranno le aziende stesse a contattarvi per proporvi prodotti o denaro in cambio di un post. In genere però sono le agenzie di comunicazione che hanno contatti diretti con le aziende e fanno da intermediario con le blogger.

Poi esistono delle web agency che hanno programmi di affiliazione e fanno campagne di buzz per le aziende, sono diverse tra loro e danno diversi budget in base anche a come sono più o meno “pignoli” per la realizzazione del post.

Ad esempio io lavoro bene con: teads, upstory, plavid etc… voi v’iscrivete e quando loro hanno una campagna in linea con il vostro blog vi contattano e potete decidere se accettare o meno. Dopodiché dovete redarre un post che sia in linea  con il brief che vi hanno consegnato ed entro i tempi stabiliti.

Da poco c’è una nuova realtà per i blogger che si chiama Your Brand Camp, come dice il nome è un camp in cui si fa conversazione sui brand. Quando v’iscriverete nella home troverete tante aziende, leggerete la storia e poi deciderete se va bene per voi e i vostri lettori, quindi parteciperai alla conversazione.

C’è un filo diretto con l’azienda e questo è molto bello, non avere filtri o intermediari permette di chiedere di tutto sul prodotto o progetto prima di scrivere il post.

Il camp poi non si conclude con un solo post ma il brand si segue nel tempo con nuovi prodotti o nuovi progetti, praticamente sentiamo l’azienda più nostra e ci sentiamo un po’ partecipi di quello che realizza.

Come si viene pagati:

Ogni progetto da diritto a ricevere dei coin che si accumulano e poi possono trasformarsi in:

  • buoni da spendere
  • acquistare lezioni via skype da esperti di blogging, inglese, narrazione e altro.
  • Oppure fare del bene devolvendoli al progetto a Make-A-Wish® Italia Onlus.

Che ve ne pare di questa nuova realtà? A me piace molto!

Questo post nasce da una vera conversazione e collaborazione con YBC su own your conversation


Potrebbero interessarti anche: